/  Vintage Design   /  BRIONVEGA

BRIONVEGA

L’azienda nasce nel 1945 come produttore di apparecchi audio avviando negli anni cinquanta anche la produzione di televisori.

Fin dai primi anni sessanta Brionvega dimostra che gli apparecchi tecnologici possono non avere forme banali ed ordinarie ma possono trasformarsi e diventare anche  oggetti da esposizione marcati da un gusto estetico vivace ed ammiccante.
Fu questo il presupposto su cui lavorarono i più grandi designer ,tra i tanti Marco Zanuso e Richard Sapper,creando così una variante del tutto originale ed intelligente per il design di apparecchi audio, tanto da poter reggere il confronto con le ambiziose produzioni di Bang & Olufsen e Braun.

Come per esempio la radio pieghevole TS502 (1964) che nascondeva tutte le sue funzioni in un cubo colorato.
od il televisore Algol 11(1964),con lo schermo inclinato di 20,5 gradi verso l’alto per andare incontro allo sguardo dell’osservatore.[esposto al MoMa di NY]

Brionvega-RR126
“Il Radiofonografo Stereofonico”

In Achille e Pier Giacomo Castiglioni Brionvega trova creatività in sintonia con la sua visione. E’ loro il progetto della RR126 del 1967.

Azienda attenta all’aspetto estetico ed innovativo dei suoi prodotti ,ha cercato da sempre l’unione tra innovazione tecnologica e design. La RR126 si inserisce perfettamente in questo contesto.
Apparecchio stereofonico ad alta fedeltà dotato di prestazioni innovative [ ]
rappresentò una grande novità quando venne immesso sul mercato nel 1967.
Dal design particolare ,l’aspetto volutamente antropomorfo ed un quadro comandi simile alla faccia di un alieno ,è costituita da una struttura autoportante e componibile che permette di modellarne le parti dato che sono volumi separabili: spostando gli altoparlanti è possibile infatti disporlo o come un cubo o a mo’ di parallelepipedo: Costruita mediante l’utilizzo di materiali diversi, il mobile e le casse acustiche in legno sono fabbricate artigianalmente, motivo percui nessun modello è identico all’altro donando unicità ad ogni esemplare.
Diversità nella Serialità.