/  Vintage Design   /  Marcel Breuer

Marcel Breuer

[Pècs,Ungheria 1902 — New York 1981]

“Ho scelto il metallo per questa seduta” scriveva Marcel Breuer alla fine degli anni venti,”perchè meglio si concilia alle caratteristiche dell’ambiente moderno.La pesante imbottitura delle poltrone tradizionali è sostituita da teli di tessuto tesi su una serie di elementi tubolari metallici leggeri”.

In questa breve presentazione ,Breuer si riferiva alla sua creazione più celebre, la poltrona ‘B3’,che fu in seguito ribattezzata WASSILY.

Considerava i suoi mobili come “l’apparecchiatura della vita moderna”:poco costosi, facilmente smontabili e sani.
WASSILY corrispondeva a questi criteri, ma all’epoca non ebbe successo commerciale.
Pur non essendo un oggetto di uso quotidiano, malgrado l’attenzione dell’autore, la sua forma straordinariamente innovativa ispirò però un nuovo genere di arredo…

Da quel momento l’Acciaio Tubolare divenne il simbolo della modernità.

I primi modelli radicalmente modernisti di Breuer sono le originali sedie ottenute dall’assemblaggio di assi di legno (slatted chair) create nei primi anni venti , quando frequentava il Bauhaus di Weimar.

Avevano un aspetto asciutto e quasi meccanico; la seduta e lo schienale erano realizzati con strisce di tessuto tese sulla struttura, secondo lo stesso concetto adottato poi nella Wassily.

Ebreo Ungherese, Breuer non poteva avere un futuro nella Germania Hitleriana:passando dalla Svizzera, nel 1935 emigra nel Regno Unito per poi proseguire alla volta degli Stati Uniti seguendo il maestro Walter Gropius .

Qui terrà lezioni presso la Harvard University, ispirando una nuova generazione fra i quali Philip Johnson,Florence Knoll ed Elliot Noyes.

Nel dopoguerra si dedica all’architettura conquistando fama internazionale.